Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

8 Marzo. Open day della prevenzione" per 10 immigrate

Data: 08/03/2016 - Ora: 09:34
Categoria: Lifestyle

8 marzo

Lecce "Insieme contro il cancro"

Una Festa della donna all’insegna della prevenzione quella proposta dal COORDINAMENTO DONNE CISL LECCE che, in occasione dell’8 marzo e in collaborazione con ANTEAS ed ANOLF, ha scelto di essere vicino alle donne immigrate del nostro territorio al di sotto dei 45 anni attivando a favore delle stesse una azione di prevenzione contro il tumore al seno.

L’iniziativa sarà organizzata con il supporto dell’ ASSOCIAZIONE SALENTINA ONLUS PER LA LOTTA CONTRO IL CANCRO che aprirà le porte del suo centro diagnostico specialistico in una giornata del mese di maggio.

In tale giornata dedicata il personale medico qualificato, tecnici specializzati e personale di sostegno ed accoglienza, si metteranno a disposizione delle beneficiarie dell’iniziativa dando forma all’open day della prevenzione, effettuando test ed esami gratuiti alle donne che rientrano nella fascia d’età individuata dal programma di screening.

Il finanziamento dell’iniziativa garantirà un voucher per 10 donne immigrate per visite senologiche mirate (previa acquisizione di tutte le informazioni anamnestiche personali, familiari con valutazione degli eventuali fattori di rischio) nonché per il correlato esame ecografico che permette l’identificazione e la caratterizzazione di eventuali noduli mammari.

L’iniziativa si pone l'obbiettivo di promuovere il benessere psico-fisico delle donne immigrate, creando maggiore consapevolezza della necessità della prevenzione oncologica e della cura del proprio corpo e favorendo anche l’integrazione col tessuto sociale locale. In particolare lo scopo è stato quello di avvicinare alle pratiche di screening e prevenzione dei tumori femminili le donne immigrate che per barriere culturali, non conoscenza dei servizi di screening, timore della perdita del posto di lavoro nel caso di malattia, rischiano di non essere intercettate in tempo utile per l’identificazione e la cura della malattia.

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
NON MI CONNETTO a SOL: