Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Lo shopping ai tempi dei saldi. E della crisi

Data: 24/01/2013 - Ora: 18:00
Categoria: Lifestyle
Comune: Lecce

Girare per la città in cerca dell'acquisto. Passare più tempo a confrontare i prezzi che a comprare. Lo shopping del 2013

La donna che ama fare shopping, a Gennaio e Luglio, sarà difficile trovarla in casa. Le mattinate non lavorative, come quella del sabato, con buona pace degli altri automobilisti che non trovano parcheggio, amano trascorrerle a spasso per la città. Ma non a visitare le sue bellezze storico- artistiche, ma tutt’altro tipo di bellezze. Moderne e post moderne: i negozi che espongono la scritta magica: saldi. La città per queste donne, non è mai stata così bella come in questi due mesi. E allora via alle vasche per i vari corsi, per le varie vie dei negozi. Quelli che per tutta la settimana, si sono dovuti accuratamente evitare, per colpa del lavoro ma che sono stati segnati sull’agendina rossa, pregustando l’ingresso del prossimo sabato mattina.
I saldi, si sa, sono un argomento caldo. Anche se è gennaio. E ancora più caldo, lo sono diventati, negli ultimi anni, quelli della crisi, per intenderci. Perché si vuole acquistare ma non si può, si vuole comprare quel maglioncino, quella gonna, che si sperava scendesse sotto il 50% eppure non si può. Per questo c’è la caccia all’affare in relazione alle proprie possibilità. Ed è vero, le lamentele sono giustificate, i negozi nonostante tutto sono semi vuoti. E quindi, se gli automobilisti il sabato mattina danno la colpa proprio a chi è affetto-affetta da shopping compulsivo, se non trovano parcheggio, i negozianti, attendono a braccia aperte, chi, in tempo di saldi, riesce a dare respiro alle casse. Respiro e monete. E allora che siano benedette le donne che fanno shopping. Per i negozianti, ovviamente, non per i loro mariti, o per loro stesse, che tornate a casa, dopo la prova-acquisti piangono sul portafoglio quasi vuoto.

Brano: Lohstana David_J'y suis J'y reste

Autore: Chiara De Carlo

Riprese: Valentina Maniglia

Montaggio: Valentina Maniglia

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
NON MI CONNETTO a SOL: